Messico: intenzioni di preghiera per 18 preti gesuiti che lavorano nelle regioni più povere

Il Messico è un Paese di forti contrasti: certe regioni sono apprezzate destinazioni turistiche, ma nel contempo vi sono luoghi dove si svolge una sanguinaria guerra per la droga con rapimenti, estorsioni, furti e omicidi. Questo coinvolge anche la Chiesa cattolica: il Messico vanta il triste primato di essere il Paese che conta più preti cattolici uccisi nel corso degli ultimi anni.


Sul piano economico, il Messico presenta ii medesimi contrasti. Da un lato si tratta di un Paese emergente, dall’altro quasi metà della sua popolazione vive nella povertà. In mezzo a loro vivono 18 preti gesuiti, che faticano non poco a garantire a loro stessi una sussistenza minima. Grazie ai benefattori di Aiuto alla Chiesa che soffre hanno ricevuto delle intenzioni di preghiera per 14'490 Euro, che permette loro di sopravvivere senza gravare sulle povere  popolazione tra cui vivono. “Grazie alla benedizione dei vostri aiuti, possiamo continuare a proclamare il Vangelo e servire il popolo di Dio povero di beni materiali, ma la cui forza spirituale nutre tutta la Chiesa”, scrive Padre José Franicsco Magana Avina, Provinciale dei Gesuiti in Messico.

Messico: intenzioni di preghiera per 18 preti gesuiti che lavorano nelle regioni più povere_5178