La storia

Nel 1947 Padre Werenfried fonda l’opera caritativa “Aiuto al clero dell’Est”, attraverso la quale raccoglie, in Olanda e in Belgio, offerte per i profughi tedeschi, predicando la riconciliazione con coloro che erano stati i nemici durante la guerra. Il volitivo Werenfried si rende subito conto che non è con le belle parole che si aiuta la gente. Grazie alla grande passione che lo anima e al dono di un’oratoria eccezionalmente brillante, Padre Werenfried riesce a convincere i fedeli belgi a sacrificare una fetta di lardo della propria dispensa, in favore di quanti hanno perso tutto. L’operazione conosce un successo senza precedenti, tanto da valere al giovane monaco il soprannome di “Padre Lardo”, un nome che non lo abbandonerà più per tutto il corso della sua lunga vita.

All’inizio degli anni ’50 l’opera venne ribattezzata con l’attuale nome di “Aiuto alla Chiesa che Soffre” e il suo raggio d’azione inizia ad estendersi oltre la Cortina di Ferro con aiuti non solo materiali, ma anche sostegno e conforto spirituali.

Nel 1962, su richiesta di Papa Giovanni XXIII, l'ACCS estende i propri interventi dapprima all'America Latina e, successivamente, alle comunità cattoliche dell'Africa e dell'Asia.

Nel 1984 l'organizzazione è riconosciuta come Opera di diritto pontificio con il compito di sostenere la Chiesa laddove essa incontra difficoltà nello svolgimento della sua attività pastorale, a causa della violazione del diritto alla libertà religiosa o della mancanza di mezzi economici.

Negli anni '90 la pubblicazione del "Rapporto sulla libertà religiosa nel mondo": uno dei più autorevoli strumenti al momento esistenti per tastare il polso allo stato della libertà religiosa, per tutte le confessioni,  in 196 Stati.

Negli anni 2000 aumenta in maniera considerevole l'aiuto alla Chiesa nei Paesi a maggioranza musulmana, dove le minoranze cristiane sono discriminate e perseguitate.

Attualmente la raccolta mondiale annua di offerte si situa intorno ai 120 milioni di Euro. E i progetti finanziati all'anno, sono circa 6 mila.

Papa Francesco, all'inizio dell'anno della Misericordia (2015/2016) ha invitato alla realizzazione di opere di carità nel mondo, attraverso i progetti di "Aiuto alla Chiesa che Soffre".

Nel 2017 "Aiuto alla Chiesa che Soffre" compie il suo 70 esimo anniversario