Il nostro fondatore

Padre Werenfried nasce il 17 gennaio 1913 a Mijdrecht, nei Paesi Bassi. Dapprima studia filologia classica all'Università di Utrecht, ma poi, nel 1934, entra nell'abbazia premostratense di Tongerlo, in Belgio.

Lo scenario di miseria e distruzione in cui versa l’Europa all’indomani della seconda guerra mondiale, tocca profondamente il giovane Werenfried. E cercare di riportare l’amore nei paesi divisi da odi razziali, vendette ed epurazioni, diviene per lui una priorità irrinunciabile, in nome della quale decide di spendere tutto se stesso.

Nel 1947 fonda l’opera caritativa «Aiuto al clero dell’Est», attraverso la quale raccoglie, in Olanda e in Belgio, offerte per i profughi tedeschi, predicando la riconciliazione con coloro che erano stati i nemici durante la guerra. Il volitivo Werenfried si rende subito conto che non è con le belle parole che si aiuta la gente. Grazie alla grande passione che lo anima e al dono di un’oratoria eccezionalmente brillante, Padre Werenfried riesce a convincere i fedeli belgi a sacrificare una fetta di lardo della propria dispensa, in favore di quanti hanno perso tutto. L’operazione conosce un successo senza precedenti, tanto da valere al giovane monaco il soprannome di «Padre Lardo», un nome che non lo abbandonerà più per tutto il corso della sua lunga vita.

All’inizio degli anni ’50 l’opera venne ribattezzata con l’attuale nome di «Aiuto alla Chiesa che Soffre» e il suo raggio d’azione inizia ad estendersi oltre la Cortina di Ferro con aiuti non solo materiali, ma anche sostegno e conforto spirituali.

Nel 1962, su richiesta di Papa Giovanni XXIII, l'organizzazione estende i propri interventi dapprima all'America Latina e, successivamente, alle comunità cattoliche dell'Africa e dell'Asia.

Nel 1984 l'organizzazione è riconosciuta come Opera di diritto pontificio con il compito di sostenere la Chiesa laddove essa incontra difficoltà nello svolgimento della sua attività pastorale, a causa della violazione del diritto alla libertà religiosa o della mancanza di mezzi economici.

Nel corso della sua lunga vita (si è spento il 31 gennaio del 2003, all’età di 90 anni), Padre van Straaten è riuscito a raccogliere oltre tre miliardi di franchi, guadagnandosi così la fama di «più grande mendicante del XX secolo».

ARTICOLI SU PADRE WERENFRIED:

- Intervento al Meeting di Romini (25-8-1987)
- Eco dell'Amore (editione speciale 2013)
- Articolo di C.Zaugg su Giornale del Popolo ( gennaio 2013)